keyboard_arrow_up

Un posto al sole, Patrizio Rispo e il retroscena sulla soap: ’Nessuno ci voleva lavorare’

Pubblicato il 31 Agosto 2021 alle 14:00

In una recente intervista, l’interprete di Raffaele Giordano ha svelato alcuni retroscena di Un posto al sole, soap in onda da 25 anni su Rai 3

Un posto al sole, Patrizio Rispo e il retroscena sulla soap: ’Nessuno ci voleva lavorare’

Patrizio Rispo, conosciuto per il suo ruolo di Raffaele Giordano in Un posto al sole, ha concesso un’interessante intervista al magazine Tv Sorrisi e Canzoni nel quale ha parlato della soap partenopea più longeva del Bel Paese. Sono 25 anni che Un posto al sole va in onda su Rai 3 ed è ormai un appuntamento consolidato, che nel tempo non ha perso telespettatori. Tuttavia agli albori nessuno voleva lavorare nella soap e a rivelare questo retroscena è stato l’interprete di Raffaele.

Retroscena su Un posto al sole, l’interprete di Raffaele ha rischiato di non essere preso al provino

Raffaele Giordano è uno dei personaggi pilastri di Un posto al sole, ma ha rischiato di non venire preso per il suo ruolo. Per colpa del provino, andato più che bene, gli sceneggiatori australiani, che all’epoca si occupavano proprio dei provini, non sapevano che ruolo affibbiare all’attore Patrizio Rispo. Alla fine si è pensato di creare una figura particolare: il portiere di Palazzo Palladini e cognato di Renato Poggi.

Agli inizi Un posto al sole rappresentava una scommessa nel panorama televisivo italiano, per tale ragione nessuno voleva prendere parte alla soap opera. ’La nostra fortuna è stata che non abbiamo avuto raccomandati’ racconta a Tv Sorrisi e Canzoni Patrizio, che rivela come la Rai abbia permesso a tutti loro di sperimentare: ’abbiamo aggiunto la cronaca e la commedia’.

Patrizio Rispo: ’è facile identificarsi con i personaggi di Un posto al sole’

Alla fine questo esperimento è andato a buon fine, ancora oggi Un posto al sole vanta oltre 1 milioni di telespettatori fissi e ottimi riscontri di share. Il segreto del successo della soap partenopea è da attribuire anche al fatto che tende a raccontare la realtà quotidiana della vita: ’è facile identificarsi con i personaggi di Un posto al sole’. Gli attori cercano sempre di lanciare un messaggio positivo anche nel bel mezzo dei guai, perciò sono seguiti in tutte le carceri. A lavorare tanto tempo insieme, gli attori hanno costruito un bel rapporto e alcuni di loro sono molto amici.


ARGOMENTI: Un Posto al Sole