keyboard_arrow_up

Il Paradiso delle Signore, Greta Oldoni sulla sua Fiorenza: ’Più audace e maligna’

Pubblicato il 13 Aprile 2022 alle 19:30

La star de Il Paradiso delle Signore, Greta Oldoni, parla della sua carriera ma anche del suo personaggio Fiorenza Gramini annunciando un finale da lasciare tutti a bocca aperta

Il Paradiso delle Signore, Greta Oldoni sulla sua Fiorenza: ’Più audace e maligna’

Ancora pochissime settimane ed anche questa stagione de Il Paradiso delle Signore volgerà a conclusione. Uno dei personaggi di maggiore spicco della nota daily soap di mamma Rai, Greta Oldoni, ha concesso un’intervista a TvPerTutti ed ha parlato non solo della sua Fiorenza, ma anche dei suoi progetti professionali e di come sta trascorrendo questo tempo lontano dal set. A proposito del suo personaggio Fiorenza, Greta ha notato come in questa stagione sia diventata più machiavellica.

Intervista a Greta Oldoni, la star de Il Paradiso delle Signore

Prima di tutto la ringrazio per l’intervista concessa a TvPerTutti. Come è nata la sua passione per la recitazione? Se non fosse divenuta attrice, che cosa le sarebbe piaciuto fare?

Grazie a TvPerTutti per questa intervista. Dunque, che dire?! La mia passione per la recitazione nasce più o meno nel periodo dell’università, durante il quale iniziai a seguire dei corsi di teatro non tanto per diventare attrice - non avevo ancora chiaro cosa volessi fare ’da grande’ - iniziai a studiare recitazione per gioco, per mettermi alla prova e togliermi di dosso un po’ di timidezza. Fu proprio durante un corso residenziale di teatro che ebbi una sorta di innamoramento, sentii il desiderio di trasformarlo nel mio lavoro. Se non avessi fatto questa scelta, probabilmente avrei perseguito la strada dell’insegnamento, essendomi laureata in Filosofia, ma non ne ero troppo sicura.

Interpretare un personaggio antagonista non è certamente un compito semplice, ma lei è molto brava a mettere in risalto quella furbizia e ‘cattiveria’ tipica del suo personaggio Fiorenza ne Il Paradiso delle Signore. Come ci riesce? A chi si ispira in particolare?

Io penso che interpretare un personaggio non sia mai cosa facile, richiede studio, preparazione, tempo. Nel caso di un’antagonista si tratta di far emergere maggiormente le parti per così dire ’negative’ del suo carattere. Per il personaggio di Fiorenza mi sono immersa inizialmente in alcuni film che mi potessero dare delle suggestioni, come per esempio il personaggio di Miranda Priestly (Il diavolo veste Prada), poi affidandomi alla sceneggiatura che mi veniva data durante le riprese mi sono lasciata andare alla mia immaginazione, cercando di costruire dietro alle battute una plausibilità del personaggio. Nella realtà quotidiana, tutti noi abbiamo fatto conoscenza di persone con atteggiamenti pessimi, ho cercato di prendere la loro essenza e condensarla creativamente in un personaggio.

Ed anche questa sesta stagione de Il Paradiso delle Signore sta per volgere a conclusione. Ancora poche settimane e si scoprirà l’epilogo. Cosa può anticiparci, rimanendo sul vago?

Beh, non so quanto sarei in grado di rimanere sul vago nell’anticiparvi qualcosa, inciamperei sicuramente in qualche spoilerata…per cui facciamo che non vi dico nulla e ci godiamo con un po’ di sano stupore la fine di questa stagione. So già che lascerà a bocca aperta.

Se possibile, può dirci se sarà presente nella settima stagione de Il Paradiso delle Signore?

Purtroppo non mi è possibile rispondere a questa domanda, salto una casella e vado alla prossima.

Fiorenza Gramini annuncia: ’stanno arrivando progetti per il futuro’

Il set è attualmente chiuso. È in vacanza oppure si sta dedicando a qualche progetto che va oltre la daily soap di Rai 1?

Ho approfittato di questo periodo per stare con la mia famiglia e con i miei amici, ho ripreso ad andare a correre con costanza, mi sono dedicata a me stessa e a ciò che amo fare, tutte cose che durante il set vengono un po’ ridotte dalla mancanza di tempo o dalla stanchezza. Nel frattempo stanno arrivando progetti per il futuro. Nel nostro lavoro, i tempi di pausa sono fondamentali per ricaricare le batterie, riprendere in mano la propria vita, ma anche gettare semi nell’attesa di un nuovo raccolto.

A proposito del suo personaggio Fiorenza, ha avvertito delle differenze caratteriali rispetto alla stagione precedente?

Io credo che in quest’ultima stagione Fiorenza si sia rivelata a tratti più audace e maligna, penso ad esempio a tutti i complotti fatti con Dante a scapito di Umberto, Adelaide, Vittorio, Ludovica… Allo stesso tempo però credo abbia anche ceduto alle sue paure, confidando per esempio a Dante il suo desiderio di avere del denaro per sé per non dipendere dall’economie del marito. Ed è anche nello strano rapporto di amicizia che stiamo vedendo avere con Flavia, che Fiorenza a tratti sembra mostrare una vera vicinanza alle disgrazie dell’amica. Insomma la Fiorenza di quest’anno mi sembra ancora più machiavellica, ma con delle fragilità che lei stessa forse non è più in grado di nascondere.

Che consiglio darebbe alla sua Fiorenza? Vorresti cambiare qualcosa in lei?

Bella domanda…diciamo che da un punto di vista dell’etica vorrei dire una marea di cose a Fiorenza e trasformarla in un essere migliore. Ma per fortuna noi stiamo parlando di un personaggio fittizio, che non esiste, che è stato scritto, e il cui compito è proprio quello di mostrare al pubblico la rappresentazione di ciò che è negativo in una persona, perché il compito del cinema, del teatro, della letteratura è anche quello di mostrare le caratteristiche peggiori dell’essere umano così da potercene distaccare e allontanare. Sperando che questo ci renda persone più consapevoli e amorevoli nei confronti di noi stessi e degli altri.


ARGOMENTI: Il paradiso delle signore