keyboard_arrow_up

Willie Peyote contro Ermal Meta: dura replica

Pubblicato il 7 Marzo 2021 alle 15:09

Sanremo 2021 ha chiuso i battenti, ma com’è normale che sia le polemiche sono ancora nell’aria. Willie Peyote si è scagliato contro Ermal Meta: arriva la replica.

Willie Peyote contro Ermal Meta: dura replica

Il 71° Festival di Sanremo ha eletto il suo vincitore, ma le polemiche non si placano. Qualche giorno fa, Willie Peyote si è scagliato contro Ermal Meta. Quest’ultimo, scoperte le parole che gli ha riservato il collega, ha replicato duramente.

Willie Peyote contro Ermal Meta

Willie Peyote, in gara al 71° Festival di Sanremo con il brano «Mai dire mai (La locura)», si è classificato sesto. Le polemiche, però, non sono nate in merito alla sua posizione, ma per le parole che ha rivolto ad Ermal Meta.

Qualche giorno fa, nel pieno dello svolgimento della kermesse musicale, Willie ha rilasciato un’intervista in cui ha riservato parole poco carine al collega. Ha esplicitamente ammesso che non apprezza Meta e gli ha dato anche del «ruffiano».

«I Maneskin sono stati i migliori, io mi chiamo fuori da questa cosa. Avrei ceduto il mio terzo posto ed il primo di Ermal che non se lo merita per niente», ha tuonato il cantante di «Mai dire mai (La locura)».

Tutto qui? Ovvio che no. Peyote ha proseguito la sua invettiva, accusandolo di aver portato all’Ariston un brano di Lucio Dalla per accaparrarsi qualche voto favorevole:

"Sono tutti innamorati di lui, io in realtà non ho nessun motivo personale per avercela con lui. Però stasera, intanto stai cantando Caruso il giorno del compleanno di Lucio Dalla ed è già una scelta veramente ruffiana per come la vedo io. Secondariamente, lui canta molto bene e nessuno gli toglierà questa cosa, però Annalisa in confronto è il vulcano dell’Etna in eruzione. La accusano di essere algida, min***a. Io non ho idea del perché sia successa ‘sta classifica".

La dura replica di Ermal Meta

Ermal Meta non si è accorto subito delle parole che gli ha riservato Peyote, ma quando se n’è reso conto non ha incassato il colpo in silenzio. Via Twitter, il cantante ha replicato:

«Caro Willie Peyote, voglio farti un dispetto e dirti quello che penso. Penso che tu sia bravo. Ieri eravamo a due metri di distanza nei camerini e se mi avessi detto di persona queste parole, saresti stato il coraggioso che appari sul palco. Buona fortuna e buona musica».

Peyote, al momento, non ha ancora risposto. Willie, comunque, non ha attaccato solo Meta, ma si è scagliato anche contro Francesco Renga, accusandolo di aver «ca**to sul microfono».


ARGOMENTI: Festival di Sanremo