keyboard_arrow_up

Rob Cohen nega le accuse di violenza sessuale di Asia Argento: "Assolutamente falsa"

Pubblicato il 25 Gennaio 2021 alle 16:20

Qualche giorno fa, Asia Argento ha accusato di violenza sessuale il regista Rob Cohen. L’uomo ha finalmente rotto il silenzio, negando di aver stuprato l’attrice.

Rob Cohen nega le accuse di violenza sessuale di Asia Argento:

Rob Cohen nega le accuse di violenza sessuale che, qualche giorno fa, gli ha mosso Asia Argento. Il regista, attraverso un portavoce, ha chiarito la sua posizione al sito americano Deadline.

Rob Cohen nega le accuse di Asia Argento

Rob Cohen non ha alcun dubbio: non ha mai violentato Asia Argento. Il regista del primo Fast and Furious, uno tra i più famosi di Hollywood, è stato accusato soltanto qualche giorno fa dall’attrice. Quest’ultima, intervistata dal Corriere della Sera, ha raccontato per la prima volta quanto accaduto. A suo dire, Rob l’ha prima drogata e poi stuprata. Attraverso il sito americano Deadline, Cohen ha negato ogni suo coinvolgimento. Un suo portavoce ha dichiarato:

"Mr Cohen nega categoricamente l’accusa di aggressione giunta da parte di Asia Argento, categorizzandola come assolutamente falsa. Quando lavoravano insieme, avevano un ottimo rapporto e il signor Cohen la considerava un’amica, quindi questa affermazione risalente al 2002 è sconcertante, soprattutto considerando quanto è stato riferito su di lei negli ultimi anni".

Il regista ha diretto la Argento nel film xXx e, stando al suo racconto, le violenze sessuali sarebbero avvenute proprio durante le riprese. Cohen, però, respinge ogni accusa.

Il precedente a sostegno di Asia Argento

Asia, oltre ad aver raccontato lo stupro al Corriere della Sera, ne ha parlato anche nella sua prima autobiografia. Intitolata "Anatomia di un cuore selvaggio", esce il 26 gennaio 2021. In merito al regista di Fast and Furious ha dichiarato:

"È la prima volta che parlo di Cohen. Successe nel 2002 mentre giravamo xXx. Abusò di me facendomi bere il Ghb, ne aveva una bottiglia. Ai tempi sinceramente non sapevo cosa fosse. Mi sono svegliata la mattina nuda nel suo letto. È la verità. Se uno tiene una bottiglia di Ghb sicuramente l’avrà dato anche ad altre".

Al momento, non sappiamo se lo stupro di cui parla Asia sia davvero avvenuto, ma a sostenere la sua versione dei fatti c’è un precedente. Cohen, nel 2019, è stato accusato di violenza sessuale da figlia transgender di 32 anni, nata Kyle Cohen oggi Valkyrie Weather. La ragazza, attraverso il suo profilo Facebook, ha scritto: "Quando ero molto giovane, Rob ha usato il mio corpo per la propria gratificazione sessuale. Mia madre ha assistito a una delle aggressioni quando avevo tra i due e i due anni e mezzo e da allora ha confermato ciò che ha visto". Anche in questo caso, Cohen ha negato ogni accusa.