keyboard_arrow_up

Pazzi per la spesa torna su Real Time: i retroscena

Pubblicato il 23 Maggio 2021 alle 16:00

Pazzi per la spesa torna su Real Time, ma spuntano alcuni retroscena. Quello che viene mostrato nel docu-reality corrisponde a verità?

Pazzi per la spesa torna su Real Time: i retroscena

Pazzi per la spesa torna in tv, ma spuntano anche alcuni retroscena che fanno perdere credibilità al docu-reality. Possibile che il format, al momento solo americano, sia una specie di teatrino organizzato a tavolino?

Pazzi per la spesa torna su Real Time

La mania dei coupon per ottenere sconti sulla spesa è diffusa anche in Italia, ma mai in forma maniacale quanto l’America. Negli Stati Uniti, non a caso, sono riusciti a sfornare anche un programma che parla di quella che, ad occhi attenti, appare come una vera e propria ossessione.

Si chiama Pazzi per la spesa e nel bel Paese viene trasmesso da qualche tempo su Real Time. Le puntate, dopo una pausa piuttosto lunga, sono tornate a tenere compagnia ai telespettatori domenica 23 maggio.

E’ bene sottolineare che non si tratta di episodi nuovi, ma di repliche e che andranno in onda per le prossime mattinate infrasettimanali. I vertici di Real Time, nonostante in America vengano sfornate nuove puntate, hanno deciso di non acquistare le ultime edizioni.

Pazzi per la spesa: spuntano i retroscena

In concomitanza con il ritorno in tv di Pazzi per la spesa, spuntano dei retroscena che rendono meno veritiero il format. Stando ad un’inchiesta portata avanti da MoneyCrashers.com, gli autori del programma in onda su Real Time firmano dei veri e propri contratti con i supermercati che compaiono nelle puntate. Si legge:

«Molti protagonisti di Pazzi per la spesa utilizzano più e più volte la medesima tipologia di Coupon per scontare i prodotti dal costo finale della loro spesa. Ebbene, di fatto nella realtà questa cosa non è possibile. La stragrande maggioranza dei Coupon non è accumulabile e soltanto nello show permettono che i Coupon diventino accumulabili per poter facilitare l’avanzamento del programma. Come dichiarato dal dirigente di uno store apparso in Pazzi per la spesa, il più delle volte i supermercati protagonisti del programma stipulano contratti di collaborazione con lo show stesso».

Insomma, Pazzi per la spesa non corrisponde alla pura realtà. In più, MoneyCrashers.com ha sottolineato che nelle puntate i protagonisti impiegano poco tempo per trovare i coupon. In realtà, però, per arrivare ad accumulare «sconti» passano anche intere giornate a chiederli a quante più persone possono.