keyboard_arrow_up

L’eredità, Massimiliano non riesce a vincere e Flavio Insinna si sente in colpa

Pubblicato il 28 Maggio 2021 alle 20:56

Grandi emozioni a L’Eredità con Massimiliano di nuovo alla Ghigliottina e di nuovo ’perdente’!

L’eredità, Massimiliano non riesce a vincere e Flavio Insinna si sente in colpa

Venerdì 28 maggio una nuova puntata de L’Eredità è tornata a fare compagnia ai numerosi telespettatori che, puntualmente, sul far della sera seguono con passione il game show di mamma Rai. Ancora una volta ad aggiudicarsi il posto alla Ghigliottina è stato Massimiliano. Il campione del momento è nuovamente uscito a tasche vuote e i festeggiamenti continuano a mancare da moltissime settimane.

L’Eredità, il campione del momento asfalta Paolo e Margherita

Al Triello, il campione Massi si è conteso il fatidico posto alla Ghigliottina con Paolo e la new entry Margherita Mota. Quest’ultima, proveniente da Molinella (BO), lavora a Firenze in un’azienda di moda. Dopo una sfilza di domande davvero interessanti, alla fine è stato Massimiliano ad avere la meglio sugli altri due concorrenti.

Il campione del momento si è ripresentato, ancora una volta, alla Ghigliottina con il montepremi di partenza di 90 mila euro. Dopo aver dimezzato circa due volte, l’uomo ha provato a vincere la somma di 22.500 euro in gettoni d’oro. ’Non dico niente, solo la cifra’ ha detto Flavio Insinna poco prima di lanciare il gioco e lasciare il campione super concentrato. Le parole da accomunare con quella dal valore di 22.500 euro erano ’Volante, Licenza, Porta, Presenza e Calcolo’.

Per tutta la durata dei sessanta secondi di tempo, il conduttore Flavio Insinna è rimasto girato con la sedia pur di non distrarre il campione. Al suono del ’Gong’, Massi si è buttato a scrivere la parola sulla cartelletta e poi l’ha posizionata accanto alla busta vincente. ’Come nelle Ghigliottine precedenti, non si è accesa la scintilla’ ha premesso il campione del 28 maggio prima di rivelare di aver scritto ’Guida’.

Flavio Insinna a Massimiliano: ’Io già mi sento in colpa’

Sei troppo simpatico, sei una persona perbene, con sogni fantastici, hai studiato, lavorato all’estero’ ha incominciato a dire Flavio Insinna rivolgendosi al campione del momento e spingendolo verso la parola giusta. ’A queste parole ne aggiungo una bellissima: giornale’. Alla fine è venuto fuori che la parola dal valore di 22.500 euro era ’Foglio’. ’Non dirmi vuoto ti prego. Non dire che il portafoglio è vuoto, io già mi sento in colpa’ ha esclamato Insinna. Foglio Volante, foglio di Licenza, foglio di Giornale, foglio di Presenza, foglio di Calcolo e Portafoglio. A Massimiliano non rimane che riprovarci un’altra volta!


ARGOMENTI: L’eredità