keyboard_arrow_up

Bake Off Italia, Simone Meli: ’Era il quarto anno in cui provavo ad entrare’

Pubblicato il 3 Dicembre 2021 alle 21:00

Terminata l’avventura a Bake Off Italia 2021, Simone Meli si racconta a Tvpertutti svelando con chi ha legato di più all’interno della trasmissione e ringraziando la nonna.

Bake Off Italia, Simone Meli: ’Era il quarto anno in cui provavo ad entrare’

Uno degli aspiranti pasticceri che ha senz’altro spiccato all’interno di Bake Off Italia è Simone Meli. Il 19enne di Bollate è riuscito a permanere nella trasmissione più golosa di Real Time per ben quattordici puntate. Al termine della sua emozionante avventura, Simone si è raccontato a Tvpertutti, svelando i momenti che più lo hanno impegnato a Bake Off Italia e quali sono i suoi sogni nel cassetto.

Simone Meli a Tvpertutti: ’Grazie nonna’

Prima di tutto la ringrazio per l’intervista. Si è conclusa la sua avventura a Bake Off Italia che è proceduta tra alti e bassi. Come è nata questa passione per la pasticceria e cosa l’ha spinta a partecipare al programma condotto da Benedetta Parodi?

La mia partecipazione a Bake Off Italia è senza dubbio un sogno realizzato. Fin da piccolo ho guardato tutte le 8 edizioni, appassionandomi sempre di più alla pasticceria anche grazie a mia nonna, una tipica nonna che prepara e vizia i suoi nipoti con i loro dolci preferiti. Seppur i dolci che mi preparava erano spesso gli stessi, la mia passione cresceva ininterrottamente, perché pian piano memorizzavo le preparazioni e intanto, dentro di me, cresceva la voglia di cimentarmici. Grazie nonna!

Tra tutte le numerose prove ’sfornate’ da Ernst Knam, Damiano Carrara e Clelia d’Onofrio, qual è stata la più dura e quale, invece, la più stimolante?

Senza dubbio la prove più toste per me sono state la prova tecnica sul tiramisù della 13ª puntata e la prova tecnica sulle monoporzioni natalizie della 14ª puntata, dove seguire il ritmo e la voce di Knam è molto difficile, fidatevi (per giunta impossibilitato di sbirciare qualcosa dato che non ero alle prime postazioni). La prova più stimolante è sicuramente stata la prova della Mozart Torte della 12ª puntata, una delle prove in cui ho avuto finalmente l’occasione di portare il mio stile moderno e ne sono rimasto molto soddisfatto, soprattutto per il commento di Csaba!

Riesce a trovare il tempo per conciliare gli studi e questa sua passione per i dolci?

Seppur non sembri in tv, sono un ragazzo molto frenetico che non riesce mai a stare fermo. Sono in quinta superiore e neanche la paura e l’ansia per la maturità e per l’esame della patente mi fermano. Perciò, durante ogni mio tempo libero, oltre che allenarmi in palestra, cucino (infatti non ho mai tempo libero 😂).

Cosa hanno detto i suoi amici e soprattutto sua nonna quando l’hanno vista in televisione?

È stato stranissimo per loro, non gli sembrava vero, ma lo stesso stupore veniva anche a me. Durante le registrazioni non mi sono completamente reso conto che, tutto quello che ho vissuto, centinaia di migliaia di persone l’avrebbero visto a casa. Anche perché la sensazione di vergogna per le telecamere è svanita dopo la seconda puntata. È stata una cosa molto spontanea ecco perché rivedermi da casa così sciolto è bello, perché di solito tendo ad essere molto timido!

All’interno della trasmissione, con chi ha instaurato un legame maggiore?

Tre persone sono state molto importanti per me in questo fantastico percorso, sicuramente Lora, Natascia ed Enrico. Natascia e Lora come due sorelle maggiori, mentre Enrico come un fratello maggiore, sono state persone veramente fondamentali con le quali ho passato i migliori momenti e mi sono sfogato durante Bake Off, ve se ama!

Il consiglio di Simone a chi vorrebbe intraprendere le sue orme a Bake Off Italia

Il suo dolce preferito qual è?

Non ho un vero e proprio dolce preferito, ma ho più opzioni: la torta sacher al mirtillo. I dolci in generale al pistacchio e le crostate di frutta però hanno una marcia in più ed un posto assicurato nel mio cuore!

Rifarebbe Bake Off Italia? Quali sono i suoi progetti futuri e sogni nel cassetto?

Rifarei Bake Off Italia certamente, ma esternando molto più il mio entusiasmo che nascondevo dentro di me, perché molto concentrato ed ansioso sulle prove da affrontare.

Lei è uno dei partecipanti più giovani di Bake Off Italia ed è stato d’ispirazione a tanti ragazzi e ragazze. Può dare qualche consiglio a coloro che vorrebbero seguire le sue orme e mettersi in gioco in questa trasmissione?

Io sono veramente soddisfatto del percorso fatto in totale onestà e merito. Sicuramente, come molti mi dicono, sarei potuto arrivare più avanti in questo percorso ma non ero destinato al premio in palio. Perciò invito tutti i miei coetanei di seguire sempre i vostri sogni e riprovarci sempre ad entrare, se questo è il vostro sogno. È stato per me il quarto anno in cui provavo ad entrare e nell’anno in cui ci speravo di meno è capitato e mi sono divertito un mondo! Se la cucina e la pasticceria è la vostra passione e volete sia il vostro futuro, dedicateci ogni singolo momento libero a casa, ma senza vederlo come un obbligo perché questa voglia deve venire dal cuore, sennò non è vera passione ❤️.


ARGOMENTI: Bake Off Italia