keyboard_arrow_up

Nadia Toffa-Filippo Facci: parole dure sulla guarigione della Iena

Pubblicato il 16 Febbraio 2018 alle 09:08

da Marco Tarantino

Nadia Toffa-Filippo Facci: parole dure quelle pronunciate dal giornalista sulla guarigione della Iena rapida in due mesi

Nadia Toffa-Filippo Facci: parole dure sulla guarigione della Iena

Nadia Toffa è guarita, è uscita dalla dura lotta contro il cancro ed in soli due mesi è riuscita a tornare in TV a presentare le Iene ed ha mandato messaggi chiari al pubblico da casa.

Ecco questa guarigione è stata accompagnata da un lato da grande gioia, grande commozione ma dall’altro lato c’è stato una parte di opinione pubblica che soprattutto via social ha dato vita ad alcune critiche specifiche, come quelle due di Filippo Facci.

La critica di Filippo Facci a Nadia Toffa

Filippo Facci ha criticato aspramente però il messaggio di guarigione di Nadia Toffa. Il motivo? Ce lo spiega proprio Filippo Facci in prima persona con queste dichiarazioni riportate dalla stampa oggi: "Che cosa ha condiviso, Nadia Toffa? Non una malattia, ma una celerrima avvenuta guarigione. Nei mesi in cui è stata in cura (pochi, un paio) non ha condiviso una parola, mi risulta. Il cancro non è questa specie di rapido pacchetto ospedaliero, breve come un servizio delle Iene con festa mediatica finale. Il problema è chi non ha avuto il formidabile culo che ha avuto Nadia Toffa, il problema è chi le chemio e le radioterapie e le recidive le vive da anni. E si nasconde come la Toffa ha fatto solo per due mesi. Ma costui vede e capisce, guardando la tv, che le conduttrici televisive si beccano i tumori e ne guariscono nell’arco di due mesi."

Poi conclude duramente: "Coraggio, bambini paralizzati in un letto da anni: potete farcela, guardate me. Il cancro, e che sarà mai"

Le parole di Nadia Toffa sul cancro

La Iena è tornata finalmente nel programma in cui è diventata nota ai telespettatori ed ha fatto commuovere tutti con il suo racconto della malattia e della sofferenza ma ha lanciato anche un messaggio di speranza.

"Ho avuto un cancro, in questi mesi mi sono curata: prima ho fatto l’intervento, poi la chemioterapia e la radioterapia. L’intervento ha tolto interamente il tumore, ma poteva esserci una piccola cellula rimasta e quindi ho seguito i consigli del medico e ho seguito le cure previste. Ora è tutto finito: il 6 febbraio ho finito la radio e la chemio"

Quindi le parole di speranza: "Ora sto benissimo. E rispetto a quello che mi è successo penso non ci sia assolutamente niente di cui vergognarsi, anzi. Ho solo perso qualche chilo che riprenderò, non mi vergogno neanche del fatto che sto indossando una parrucca, questi non sono i miei capelli. Non vi nascondo che ci sono stati momenti difficili: quando vedi le prime ciocche di capelli che ti rimangono in mano è un momento molto forte. Poi mi è venuta in mente Gabriella, una bambina di Taranto che mi aveva raccontato di quanto avesse sofferto quando le erano caduti i capelli dopo che si era ammalata. Gabriella, ti ringrazio, perché ti ho pensato: se ce l’ha fatta uno scricciolo come te, ce la posso farcela anch’io".