keyboard_arrow_up

Come non pagare il canone Rai: esenzione e requisiti

Pubblicato il 12 Ottobre 2017 alle 09:20

da Federica Ponza

Canone Rai: come non pagare il? I requisiti necessari per ottenere l’esenzione e smettere di pagarlo

Come non pagare il canone Rai: esenzione e requisiti

Come non pagare il canone Rai? Non ci sono molte vie di fuga a quella che è una tassa dello Stato a tutti gli effetti, ma per non pagare il canone Rai è necessario avere l’esenzione che può essere ottenuta solo se in possesso di determinati requisiti.

Secondo quanto stabilisce la legge italiana il pagare il canone Rai è obbligatorio per tutti coloro che sono in possesso di un apparecchio televisivo in grado di ricevere, decodificare e visualizzare il segnale satellitare e/o digitale terrestre.

Questo è quanto stabilisce la legge italiana e dal 2016 il pagamento del canone Rai avviene direttamente in bolletta. Vediamo, dunque, quali sono i requisiti per ottenere l’esenzione e non pagare il canone Rai.

Come non pagare il canone Rai: requisiti per l’esenzione

Dato quanto stabilito dalla legge italiana, il primo requisito per non pagare il canone Rai c’è il fatto di non possedere un apparecchio televisivo.

Con la legge italiana entrata in vigore nel 2016, però, è stata introdotta la presunzione di detenzione di apparecchio televisivo, il che vuol dire che in mancanza di altre dichiarazioni lo Stato presumerà che il cittadino sia in possesso della TV.

Per comunicare la mancanza di possesso dell’apparecchio televisivo è necessario inviare ogni anno una domanda all’Agenzia delle Entrate in cui si afferma di non possedere la TV.

Questo tipo di principio vale solo per la casa in cui l’utente ha residenza anagrafica: ciò vuol dire che non è applicato alle seconde case.

Oltre al non possesso di un apparecchio televisivo, ci sono altri requisiti che permettono di ottenere l’esenzione dal canone Rai e sono i seguenti:

  • Età pari o superiore a 75 anni e un reddito non superiore a 6.713,98 euro;
  • Essere un agente diplomatico (art. 34 della Convenzione di Vienna del 18 aprile 1961);
  • Essere un funzionario e/o un impiegato consolare (art. 49 della Convenzione di Vienna del 24 aprile 1963);
  • Essere un funzionario di un’organizzazione internazionale;
  • Essere un militare di cittadinanza non italiana e/o far parte del personale civile non residente in Italia di cittadinanza non italiana appartenente alle forze armate della NATO (art. 10 della Convenzione di Londra del 19 giugno 1951).

Come non pagare il canone Rai: ottenere l’esenzione

Come abbiamo detto, se non si è in possesso di un apparecchio televisivo, sarà possibile inoltrare all’Agenzia delle Entrate la domanda per ottenere l’esenzione.

Per farlo basterà scaricare l’apposito modulo (che trovate qui sotto), stamparlo e compilarlo nel modo corretto.

Modulo per l’esenzione dal canone Rai
Clicca qui per scaricare il modulo

Oltre alla sezione con le informazioni anagrafiche, sarà necessario compilare solamente il Quadro A del modulo, seguendo le istruzioni fornite direttamente dall’Agenzia delle Entrate e che trovate di seguito.

Istruzioni per compilare il modulo per l’esenzione dal canone Rai
Clicca qui per scaricare le istruzioni

Dopo aver compilato il modulo, deve essere inviato insieme alla copia di un documento di identità in corso di validità in un plico raccomandato senza busta all’indirizzo apposito, riportato alla fine dell’articolo.

Ricordiamo, infine, che se la domanda verrà inviata tra il 1° luglio dell’anno precedente a quello per cui è richiesta l’esenzione al 31 gennaio dell’anno per cui è richiesta l’esenzione, si verrà esonerati dal pagamento dell’intero anno.

Se, invece, viene inviata dal 1° febbraio al 30 giugno dell’anno per cui è richiesta l’esenzione, si verrà esonerati solo dal pagamento del secondo semestre.

Indirizzo: Agenzia delle entrate – Ufficio Torino 1 – Sportello abbonamenti TV – Casella postale 22 – 10121 Torino.