keyboard_arrow_up

Antonia Klugmann, chi è la nuova giudice di Masterchef Italia 7. Biografia e vita privata

Pubblicato il 7 Novembre 2017 alle 14:35

da Federica Ponza

Antonia Klugmann, chi è? Ad aprile è stata annunciata al sua presenza a Masterchef Italia 7 tra i giudici del programma, al posto di Carlo Cracco. Biografia, vita privata e piatti

Antonia Klugmann, chi è la nuova giudice di Masterchef Italia 7. Biografia e vita privata

Antonia Klugmann è la nuova giudice di Masterchef Italia 7, che sostituisce Carlo Cracco nella giuria del famoso talent culinario di Sky.

Nell’attesa di vedere come se la caverà la chef stellata - non nuova al mondo della TV vista la sua partecipazione a La prova del cuoco - conosciamo meglio chi è Antonia Klugmann: la sua biografia, la vita privata, le ricette, i piatti e le stelle Michelin.

La Klugmann, infatti, affiancherà Antonino Cannavacciulo, Joe Bastianich e Bruno Barbieri nella ricerca dell’aspirante chef che diventerà il settimo Masterchef italiano e l’eredità che raccoglie è davvero pesante, visto che ormai Cracco era un volto storico del programma.

Chi è Antonia Klugmann: biografia e vita privata

Antonia Klugmann nasce a Trieste il 2 settembre 1979 ed è in Friuli-Venezia Giulia che apre il suo ristorante - L’Argine -, per la precisione a Vencò, un paese situato nella provincia di Gorizia.

Per coltivare la sua passione per la cucina, lascia gli studi in Giurisprudenza e comincia a frequentare la scuola di Altopalato a Milano.

Diciassette anni fa quando ho iniziato a cucinare esisteva solo il percorso classico, e veniva visto con sospetto chi si avvicinava alla cucina a 21-22 anni, come me

Cosi racconta l’inizio del suo percorso in cucina la nuova giudice di Masterchef durante l’intervista andata in onda su Sky in questi giorni.

Dopo la scuola di Altopalato, infatti, Antonia Klugmann ha dovuto fare una lunga gavetta, lavorando per quattro anni lavora nella cucina dell’Harry’s Grill di Trieste, guidata dallo chef Raffaello Mazzolini, per poi lavorare in diversi ristoranti.

Dopo un anno di stop a causa di un incidente in auto, nel 2006 apre l’Antico Foledor a Pavia di Udine, insieme al suo compagno Romano De Feo.

Nel 2009 è una delle finaliste del concorso per Miglior chef emergente del Nord Italia organizzato da Luigi Cremona, mentre tra il 2009 e il 2010 vince La prova del cuoco nel torneo esordienti.

Nel 2011 lavora al Ridotto di Venezia, nel 2013 al Venissa sull’isola di Mazzorbo, mentre a dicembre 2014 apre il suo ristorante: L’argine a Vencò, situato a Dolegna del Collio, nella provincia di Gorizia.

Dopo poco tempo dall’apertura, già nel 2015, riesce ad ottenere la sua prima stella Michelin e il suo ristorante viene insignito del titolo di Novità dell’anno dal Gambero Rosso.

Nel 2017, invece, vince il premio Cuoca dell’Anno, conferito dalla Guida dei Ristoranti d’Italia 2017 dell’Espresso.

Tra le sue passioni c’è la vela e infatti è anche istruttrice Adv nel Centro velico Caprera.

Sempre nel 2017, viene annunciato il suo ingresso nella giuria di Masterchef Italia 7, al posto di Carlo Cracco.

Chi è Antonia Klugmann: L’argine, i piatti e le stelle Michelin

Il suo ristorante, dunque, si trova a soli 150 metri dal confine sloveno ed è un punto di riferimento per gli amanti della cucina vegetariana e vegana gourmet.

I suoi piatti sono strettamente legati al territorio e al suo orto, da dove prende gli ingredienti che mette nelle sue ricette, unendo la tradizione e l’innovazione in modo originale e sapiente.

L’Argine, infatti, è circondato da circa un ettaro di terra e dal bosco, dove si reca tutto lo staff per cercare le materie prime più genuine ed adatte ai piatti realizzati dalla chef.

Accostamenti semplici, che rispettano gli ingredienti, ma in grado di accontentare anche i palati più fini.

Ai fornelli è una perfezionista e odia anche il minimo spreco: per questo motivo promuove una cucina sostenibile, basata anche sul sacrificio e sull’impegno.

Chi è Antonia Klugmann: che giudice sarà?

Date le premesse, Antonia Klugmann sarà di certo un giudice severo, come ha dichiarato in diverse interviste, ma non troppo - ha precisato.

Nonostante l’apparenza molto soave, infatti, la Klugmann ha un carattere molto forte: basti pensare che ogni giorno i suoi collaboratori nel bosco, nei prati e vicino ai fiumi per imparare a riconoscere e a raccogliere erbe e fiori, anche per far capir loro “quanto è dura la vita del contadino”.

Allo stesso tempo, però, ha fatto sapere che sarà anche un po’ frivola, soprattutto riguardo alle sue scarpe: saranno con il tacco e saranno molte.

Insomma, ci aspettiamo una giudice che darà sicuramente del filo da torcere ai concorrenti, permettendo anche loro di imparare molto sul territorio e sul come valorizzarlo al meglio in cucina.


ARGOMENTI: MasterChef