keyboard_arrow_up

Banderas lascia gli spot Mulino Bianco, ecco chi lo sostituisce

Pubblicato il 15 Settembre 2017 alle 10:48

da Federica Ponza

Antonio Banderas non sarà più il protagonista dello spot della Mulino Bianco e probabilmente neanche la sua gallina Rosita. Ecco chi lo sostituisce

Banderas lascia gli spot Mulino Bianco, ecco chi lo sostituisce

Una notizia che arriva inaspettata: Antonio Banderas non farà più la pubblicità della Mulino Bianco e lascerà il ruolo di mugnaio interpretato ormai da tempo negli spot dell’azienda del Gruppo Barilla.

Uno degli spot più famosi degli ultimi anni - anche per l’ironia che ha scatenato tra telespettatori e popolo della rete - cambia volto e, per la precisione, ne acquisisce ben due.

Banderas e Mulino Bianco: ecco chi lo sostiuisce

Niente più Banderas e niente più Rosita, dunque: la Mulino Bianco ha scelto di dare un nuovo volto ai suoi spot, anzi, per la precisione ben due.

A prendere il posto dell’ex sex symbol saranno i due attori Giorgio Pasotti e Nicole Grimaudo che interpreteranno Emma e Giovanni, due giovani di belle speranze che vogliono rendere il mondo un posto migliore.

La campagna è stata creata in collaborazione con J. Walter Thompson e arriverà sugli schermi televisivi il 17 settembre, con la regia di Emanuele Crialese.

Banderas e Mulino Bianco: i nuovi spot

La Grimaudo, dunque, vestirà i panni della giovane Emma che ha imparato le basi dal padre e poi - dopo qualche anno di esperienza in forni e pasticcerie - ha deciso di tornare al Mulino.

Giovanni - il personaggio interpretato da Pasotti - sarà, invece, un laureato in agraria e ex consulente di aziende agricole.

Entrambi ricercano la genuinità, la tradizione e dei cibi che sappiano nutrire sia corpo che anima, in modo sano.

Le nuove trame, dunque, richiameranno i valori del brand, quali l’attaccamento e il rispetto per la natura, la voglia di creare prodotti che siano genuini e la volontà di portare i prodotti direttamente dal campo alle case delle famiglie italiane.

Di seguito il trailer dello spot, che sembra quasi una fiction: