keyboard_arrow_up

Leaving Neverland: quando esce in Italia il documentario su Michael Jackson

Pubblicato il 12 Marzo 2019 alle 10:52

da Ilaria Roncone

Quando esce in Italia Leaving Neverland, il documentario su Michael Jackson? Scopriamo data e canale di trasmissione insieme alle reazioni di coloro che lo hanno già visto.

Leaving Neverland: quando esce in Italia il documentario su Michael Jackson

Il documentario Leaving Neverland verrà trasmesso anche in Italia: dopo la proiezione in anteprima al Sundance Festival e dopo essere andato in onda il 3 e 4 marzo negli Stati Uniti e il 6 e 7 marzo in Gran Bretagna, Leaving Neverland approderà in Italia il 19 e il 20 marzo in prima serata su canale Nove. Coprodotto da Channel 4, emittente britannica, e da HBO, diretto da Dan Reed, Leaving Neverland racconta la storia degli orrori costruita basandosi sulle testimonianze di James Safechuck e Wade Robson, le vittime presunte delle presunte molestie di Michael Jackson. Appurato quando esce in Italia, come ha reagito l’opinione pubblica e cosa vedremo nel documentario?

Leaving Neverland: di cosa parla e reazioni

Secondo il comunicato stampa dell’emittente Leaving Neverland racconta la storia di James Safechuck e Wade Robson all’età rispettiva di 10 anni e 7 anni. Quando erano bambini i due sono diventati entrambi amici di Michael Jackson. Loro, come le famiglie, rimasero affascinati dalla vita fiabesca che conduceva il cantante nel momento del suo massimo successo. Tramite l’intervista ai due, ormai trentenni, e ai rispettivi familiari, il documentario fa emergere una serie di abusi subiti da entrambi nel corso degli anni. I due, ora uomini, dovrebbero entrambi confrontarsi con i traumi causati a distanza di tempo che si ripercuotono sulla loro vita di adulti e di genitori.
Leaving Neverland è stato visto da moltissimi spettatori all’estero, sconvolgendone gran parte e costringendo alcune emittenti radiofoniche a bandire le canzoni di Michael Jackson dalla programmazione. La famiglia della pop star, dal canto suo, ha attaccato l’opera senza remore. Alcune celebrità, invece, si sono schierate dal lato di Safechuck e Robson.

La fondazione intitolata a Michael Jackson dopo la messa in onda su HBO ha deciso di citare in giudizio l’emittente per la diffusione di quelle che vengono definite delle falsità. Anche il nipote del cantante, Taj Jackson, ha deciso di dire la sua sul documentario Leaving Neverland: “È davvero ingiusto condannarlo ora sulla base di un documentario di parte, letteralmente di parte”, queste le sue parole.
Intanto il regista, Dan Reed, ha già fatto cenno all’idea di un sequel negli scorsi giorni. Il progetto rientrerebbe infatti nelle sue intenzioni ma se e solo se Jordan Chandler e Gavin Arvizo, che sarebbero stati abusati a loro volta, portino le loro testimonianze nella pellicola.
Per conoscere il contenuto del documentario Leaving Neverland in Italia non resta che aspettare la prima serata di canale Nove del 19 e 20 marzo 2019.