keyboard_arrow_up

L’amica geniale anticipazioni seconda puntata 4 dicembre 2018: l’adolescenza di Elena e Lila

Pubblicato il 4 Dicembre 2018 alle 09:18

da Ilaria Roncone

Ecco le anticipazioni della seconda puntata di L’amica geniale: le ragazze cominciano a crescere e, vedendosi sempre meno, continuano a vivere le mille difficoltà legate alla loro condizione sociale e economica.

L’amica geniale anticipazioni seconda puntata 4 dicembre 2018: l’adolescenza di Elena e Lila

La prima puntata de L’amica geniale, andata in onda il 27 novembre, è stata un successo. Vediamo le anticipazioni della seconda puntata de L’amica geniale, quella del 4 dicembre, in onda in prima serata su Rai 1. Anche questa sarà composta da due episodi che racconteranno il passaggio delle ragazze dall’essere bambine all’essere adolescenti e i vari intrecci tra e attorno a loro.
La storia di L’amica geniale è tratta dal famoso libro di Elena Ferrante, pubblicato nel 2011, e parla del rapporto di amicizia che dura una vita tra queste due bambine, adolescenti, donne che saranno sempre legate nonostante le vicissitudini e i tanti cambiamenti della vita.
Vediamo le anticipazioni seconda puntata 4 dicembre L’amica geniale, composta da due episodi. La prima puntata, così come tutte quelle che verranno, sono disponibili su Rai Play nello streaming de L’amica geniale.

Anticipazioni episodi L’amica geniale 4 dicembre: “La metamorfosi” e “La smarginatura”

Il terzo episodio de L’amica geniale si intitola “La metamorfosi” e comincia con la morte di Achille Carracci, il potente del Rione (interpretato da Antonio Pennarella, ultimo ruolo prima di morire). A questo punto il ruolo di comando nel Rione passa nelle mani dei Solara, la famiglia che gestisce il bar della piazza.
Per Elena cominciano i primi segni di cambiamento legati all’adolescenza: il viso le si riempie di brufoli, le spuntano i primi peli e il seno comincia ad ingrandirsi. Iniziata la nuova scuola, Elena inizia a sentire la mancanza della presenza di Lila, fatto che fa calare drasticamente il suo rendimento scolastico.
Elena vorrebbe parlare ancora con la sua amica Lila, condividere con lei i dubbi e i tormenti tipici di quell’età, ma Lila, dal canto suo, non può vederla spesso poiché impegnata a lavorare nel calzaturificio. La bambina è cresciuta, convinta ormai che la sola via per lei sia avere un lavoro e guadagnare soldi, la sola misura della potenza e della rispettabilità di una persona. Nonostante il fatto di non frequentare le lezioni, però, Lila si dimostra brillante riuscendo ad aiutare Elena con delle lezioni di latino; sarà proprio grazie a questo che Elena, finite le scuole media, sarà considerata la più brava di tutte. Una cocente delusione arriva per Elena quando il maestro Ferraro decide di assegnare del tutto inaspettatamente a Lila il premio come lettrice più assidua della biblioteca.

Il quarto episodio de L’amica geniale si intitola “La smarginatura”: qui vedremo l’inizio del percorso di ginnasio da parte di Elena, la quale realizza subito che, nonostante sia più sfortunata di lei, Lila continua ad essere il suo unico appiglio nonostante sia costretta nel calzaturificio con suo padre e suo fratello tutto il giorno.
Lila sboccia in tutta la sua bellezza e, nonostante le difficoltà familiari, emergono le sue grandi capacità e la sua intelligenza. Arriva il momento dei primi turbamenti sentimentali, quando i ragazzi del quartiere cominciano a manifestare desiderio a Lila, compreso Marcello, il figlio di don Silvio Solara. Nonostante la fama pericolosa del giovane e la sua bellezza, Lila lo allontana senza paura per poi scegliere, a Capodanno, di trascorrere la serata con Stefano Carracci, il figlio del defunto potente del quartiere. A differenza del padre Stefano si mostra cordiale e amichevole con tutti coloro che abitano il Rione, tanto da coinvolgerli nei festeggiamenti di Capodanno. Durante la serata, però, Lila vivrà un episodio molto spiacevole.
Ed Elena? La ragazzina sarà ancora in preda ai turbamenti dovuti al cambiamento del suo corpo e si fidanzerà con Gino, un giovanotto smilzo e senza grandi doti; nel suo cuore, però, desidererà segretamente Nino Sarratore, coinvolta da lui sin da quando era bambina.